L’orgoglio di Valentina

A(b)Braccio # Filippo Corrado
libero professionista – Caltanissetta

Cercavo di cogliere ogni minimo particolare per capire chi fosse. Forse avevo capito che tutto quello che la circondava era a sua disposizione, ma nulla le apparteneva davvero.

Nonostante la sua giovane età, era bravissima a nascondere la sua condizione. Lei voleva solo essere normale, di quella normalità che per molti è scontata. Spesso metteva una “maschera” per convincere tutti e se stessa che non aveva nulla in meno degli altri e non l’avrebbe ammesso nemmeno sotto tortura. Troppo orgogliosa. Non di un orgoglio innato, ma figlio di una sorte infame che l’ha privata della serenità di una bambina, che doveva per forza riflettere la sua immagine in uno specchio con delle foto incastrate a un lato della cornice che non le appartenevano.

E che diavolo! Lei voleva anche un letto tutto suo, i suoi poster e le sue collezioni, anche lei ogni tanto avrebbe avuto bisogno di rifugiarsi fra le sue mura e non fra quelle della nonna.

Una volta al mese diventava più donna per mano di madre natura, ma diventava anche più forte per mano sua. Lei sapeva che le delusioni erano sempre lì in agguato, dietro l’angolo ad aspettarla con il malefico sorriso di chi avrebbe sussurrato: “te l’avevo detto!”. Ma a lei non importava.

Lei viveva di sogni e frasi che davano voce ai suoi pensieri. Si esprimeva così, con il sorriso in viso e il cuore in gabbia. Lo liberava solo se capiva che il suo domatore aveva le giuste qualità, oggi in canottiera e tatuaggio, domani con la cravatta e il profumo al vento.

Perché Valentina voleva solo AMARE !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...