Gas di scarico

A(b)Braccio # Sandro Dieli

Antonino, amore mio, chissà cosa avrai sentito dire a proposito di tua nonna, chissà cosa avrai pensato di me? Sono certa che mi avrai anche odiata e maledetta, ma sento e ho sempre sentito nel profondo del mio cuore, che tu avresti capito e che mi avresti perdonata.

Leggi queste parole, ascolta la mia voce se ne ricordi ancora il suono. Ti confesserò che ho un po’ di paura per ciò che mi aspetta, ma sapere di parlare con te mi consola e mi dà coraggio, perché mi fa immaginare che la mia verità, la verità, ti apparirà chiara.

Sono seduta ad un tavolino del Caffè Adler di fronte a quello che era il Check Point Charlie, il più famoso punto di passaggio tra Berlino Est e Ovest. Sto bevendo un tè e sono circondata da molte persone che sussurrano conversazioni che non riesco a sentire.

Qui in Germania si sussurra molto più che da noi, si lascia che i sentimenti appaiano innocui attraverso le parole, mentre invece, credimi, i loro animi sono ricolmi di passioni. Quando mi accorsi che sotto un aspetto sereno e controllato ribolliva un vulcano appena represso, guardai i tedeschi con occhi diversi da quelli che videro Berlino i primi giorni. I primi giorni in cui tenevo impresse sulla retina le immagini di un popolo finalmente riunito, appollaiato sul muro più vergognoso che la storia ricordi.

Tratto da ‘Gas di scarico: da Palermo a Berlino’
di Sandro Dieli
formato Kindle
http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Famzn.to%2F29PWIcP&h=KAQEIGGfK&s=1
http://www.sandrodieli.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...