Il tempo degli altri

A(b)Braccio # Maria Andaloro

Un ritardo di un’ora e mezza del mezzo di trasporto da isola piccola a isola grande mi ha regalato un po’ di tempo, di altri. Ho visto arrivare e partire altri.

E ho visto abbracci che si confondevano fra un benvenuto e un torna presto. Ho visto una madre accogliere con le lacrime i figli emigrati. E poi mi sono perduta nel sorriso timido di nonni isolani che, con un tenero anglo siculo, accoglievano i nipoti “stranieri”.

Ho visto ormeggiatori sotto il sole, lanciare la cima e tirare magicamente verso il molo aliscafi enormi. E ho visto scendere dalle passerelle speranze e salire ricordi. Ho sentito profumo di città che si mischiava al ciàuro dell’isola. Ho amato chi si teneva mano nella mano fino alla fine.

E ho visto intrecciare la nassa come un ricamo antico da mani callose e veloci. Mani vissute fra mare e terra. E avrei voluto rimanere per sempre su quel molo ad osservare la bellezza di un arrivederci scritto negli occhi di tutti. Di chi restava e di chi andava.

Un pensiero riguardo “Il tempo degli altri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...