Tre, due, uno…sei in onda

Cronaca semiseria di una vita da cronista (durante il terremoto)

di Daniela Tornatore

Il microfono, la telecamera, non arriva l’audio, è caduto il collegamento, no…ecco, siamo qui. Possono partire le immagini, abbiamo registrato un’intervista, è tutto, ci risentiamo più tardi.

Corri, c’è una nuova scossa. Gira, non ti fermare. Pronto, pronto…? Non c’è campo. Non riesco a telefonare. Sì, eccomi, mi sentite? C’è appena stata una nuova scossa di terremoto, fortissima. Abbiamo le immagini. Vai, riversa. Corri alla fly. Vado io a piedi, tu resta qui, continua a riprendere. Registra tutto, mi raccomando. Quando torni, porta le batterie cariche.

Si fermi, dove sta andando lei? La prego, è urgente, devo tornare alla regia mobile per inviare le immagini alla redazione. Sarò prudente. Aspetti, la faccio accompagnare dai vigili del fuoco. Grazie, lei è un angelo.

Andiamo, di corsa. Non possiamo correre. Sì, pronto, sono già per strada, le immagini stanno arrivando. No, non ho interviste, solo la scossa e i crolli. Ok, si, dopo. Mi viene da piangere. Non c’è tempo. Ecco la cassetta, riversale tu. Mettiti a turno. No, è urgente. Fatto. Io torno sul posto.

Hanno appena estratto una persona dalle macerie. È viva. Dimmi che hai le immagini. Tranquilla, ho tutto. Hai portato le batterie? Cazzo, le ho dimenticate. Torniamo, abbiamo abbastanza per montare il pezzo. Sì, no, ora non posso, ti richiamo io.

E’ lungo, taglialo. Ok, mandalo. Pronto? Ho il pezzo. Time code, sonoro, ingresso, uscita, insert, fammi il bianco, metti a fuoco, c’è l’up sound, voglio lo stand up, copri, lancia, apri, chiudi, tappeto, tendina.

Ora che si fa? Andiamo in ospedale. Qual è il più vicino? Non si può entrare. Mi serve una voce, trovala. Sì, c’è un ragazzo, è ferito. Cosa è successo? Raccontami. Grazie, corro. Mi aspetta il procuratore. A che punto sono le indagini? E’ ancora presto per dirlo. La ringrazio. Dove sei? Fai presto, tra dieci minuti sei in collegamento. Corriamo. L’auricolare. Prova audio. Mi senti? Sì, ti sento. Cazzo, devo fare la pipì…

…tre, due, uno…sei in onda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...