E devo ricordarmi di comprare anche dei fiori…

A(b)Braccio # Franco Cascio

Oggi è il compleanno di Daniela. E voglio regalarle una di quelle storie che a lei piacciono tanto. Però la storia riguarda un mio di compleanno, di un bel po’ di anni fa.

Quella mattina avevo un appuntamento importante. Da lì a poco ci sarebbero state le elezioni comunali e io ero tra i candidati. Gli ultimi scampoli di campagna elettorale, gli ultimi giorni alla ricerca di voti. Avrei dovuto incontrare dei potenziali elettori. Avrei. Perché quella mattina andò diversamente.

Alle 8.30 circa, lavato e stirato, giacca e cravatta, esco frettolosamente di casa. Un saluto veloce a Teo, il mio pastore tedesco. Ma mi accorgo subito che c’è qualcosa che non va. Teo non mi viene incontro, rimane fermo ad osservarmi con lo sguardo sofferente. Non so come abbia fatto, non so cosa sia successo, ma la zampa posteriore destra è completamente a pezzi. Lo prendo di peso, lo carico in auto, corro dal veterinario. La camicia già non è più stirata, la giacca piena del suo pelo. La radiografia non promette niente di buono. La zampa è ridotta davvero male, divisa in tanti pezzettini, sembra un puzzle. Chiedo al veterinario se potrà ancora, non dico correre, ma almeno camminare. C’è solo una possibilità, mi dice. Un intervento di ricostruzione, ma non è detto che riesca. Un intervento di ricostruzione lunghissimo e costosissimo e dall’esito comunque incerto. Dico ok.

L’intervento finisce nel pomeriggio. Titanio o chissà quale altro materiale per ricostruirgli tutto ciò che era andato in frantumi. Non mi stacco un attimo da Teo, fino al suo risveglio. Teo poi non solo ritornerà a camminare, ma anche a correre fino all’ultimo dei suoi giorni. Il veterinario è un bravo chirurgo. Si è fatto pagare una cifra – mannaggia a lui – ma è bravo.

A sera, l’assistente del veterinario – che mi conosceva e che sapeva della mia candidatura alle elezioni – si dice stupita del fatto che ho preferito perdere un’intera giornata per stare accanto al cane anziché starmene in giro a cercare voti, proprio nelle battute finali della campagna elettorale. “E oggi è pure il mio compleanno”, le dico. “Davvero? Una persona che anziché stare in giro a cercare voti negli ultimi giorni di campagna elettorale – mi dice l’assistente – preferisce stare accanto al suo cane, tra l’altro nel giorno del suo compleanno, merita la mia fiducia. Oggi almeno un voto lo hai trovato, il mio”.

E questo è il mio regalo di compleanno per Daniela. Una di quelle storie che a lei piacciono tanto. E, se ce la faccio, devo ricordarmi di comprare anche dei fiori, perché oggi è il compleanno di Daniela. Tanti auguri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...